• 10/03/2020
  • admin
  • 0

Misurare i parametri vitali della vostra impresa

Diagnosticare un’anomalia o prendere atto della salute della propria impresa: esiste un metodo rapido ed efficiente per farlo?

Svolgendo consulenza al fianco di grandi, piccole o micro imprese, abbiamo percepito la naturale esigenza, da parte dell’imprenditore o del management, di misurare i parametri vitali della propria impresa, sempre più negli ambiti della pre-vendita, post-vendita e marketing, dovuti alla crescente importanza delle funzioni marketing & commerciale nelle imprese pressoché di ogni settore merceologico.

Rimanendo in area marketing & commerciale, gli indicatori o “parametri vitali” da tenere sotto controllo sono molti e variano in base alla specificità del business. Focalizziamo ad esempio una delle “domande amletiche” più ricorrenti: qual è la qualità dei rapporti con i nostri clienti e potenziali clienti?

La risposta a questa domanda, secondo la giusta grana temporale e altre variabili, dev’essere fruibile dall’interno dell’azienda ma anche dall’esterno, durante una visita dal cliente o una fiera.

Ora, che sia manualmente su carta, con Excel, oppure usando un CRM (customer relationship management), i dati devono diventare informazioni e per realizzare questa trasformazione i dati, appunto, devono essere gestiti digitalmente. Vanno fatte alcune precisazioni.

Come controllare i dati?

Tra le tre ipotesi digitali citate (Excel o CRM) – per esperienza diretta – la meno comoda e più costosa è rappresentata dall’uso di Excel. Sembrerà strano ma è così, a causa della necessità di aggiornamento manuale dei file, dei possibili errori, del rischio di perdere dati o che finiscano alla concorrenza, o della limitata possibilità di analisi dei dati.

Un CRM invece genera per la vostra impresa una serie di vantaggi. Solitamente il costo del software è ampiamente ripagato dal risparmio di tempo dovuto alla gestione cartacea o con fogli elettronici. Infine va detto che, anche prima di investire nell’attivazione di un CRM, è possibile stimarne il ritorno dell’investimento (ROI) in termini economici con una veloce simulazione.

Riguardo la pipeline commerciale, tornando alla “domanda amletica” di cui sopra, la sola consapevolezza di chi sono i nostri clienti, quelli fidelizzati e non, i potenziali clienti e i contatti che possono portarci a nuovi rapporti commerciali, apre scenari molto interessanti e redditizi, non solo per le funzioni marketing & commerciale.

Se il desiderio è ridurre i costi e massimizzare i ricavi della vostra impresa, l’uso di un CRM rappresenta un’azione mirata e concreta per raggiungere questo scopo, misurando sistematicamente e a tutti i livelli i parametri vitali della vostra impresa. Ma cos’è un CRM? Leggi il nostro articolo “Il CRM spiegato facile: perchè potreste averne bisogno” oppure visita la pagina sul nostro sito Cos’è un CRM
.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *