Cos’è e come possiamo mantenere in forma la nostra impresa grazie a dei piccoli accorgimenti

In questo articolo parliamo di benessere dell’azienda considerando che esiste un’evidente connessione con il benessere delle persone che vi operano.

A proposito delle persone, le statistiche parlano chiaro: il settore del wellness alla persona è in continua crescita, la ricerca del Global Wellness Institute indica una crescita del 6,4% negli ultimi due anni, quasi il doppio rispetto alla crescita economica mondiale (3,6% all’anno). Un trend mostruoso! E il wellness delle nostre imprese? Gode dello stesso trend?

Cos’è il wellness per un’impresa?

Proviamo a dare un’interpretazione: immaginiamo l’azienda come un corpo umano.

Il Sistema Informativo rappresenta il sistema nervoso assieme ai 5 sensi, con cui tutte le parti del corpo comunicano con il cervello, percependo il mondo reale. Sempre in metafora, proviamo a immaginare l’estetica, il linguaggio, la postura, lo sguardo come la capacità di Comunicazione sia interna che esterna dell’impresa.

Sistema Informativo e Comunicazione dunque, due fattori cruciali per ogni impresa con cui procurare il benessere della nostra impresa che, talvolta, opera in condizioni di stress.

Il Sistema Informativo rappresenta un mezzo per contribuire all’efficienza dei processi e delle persone, uno strumento per la competitività. Basta scorgere il grado di digitalizzazione delle imprese che navigano in buone acque per averne contezza.

La Comunicazione riguarda l’efficacia e la qualità delle informazioni scambiate dentro l’azienda, ma anche il Brand e le informazioni che si veicolano all’esterno, la reale attitudine e vicinanza ai clienti e ai potenziali clienti, la capacità di fidelizzare i rapporti e creare il noto valore aggiunto.

Quando pensare al wellness aziendale?

Intervenire non è d’obbligo: wellness solo se occorre, ovviamente.

Solo se i nostri uffici sembrano invasi dalla proliferazione dei fogli elettronici, da Whatsapp per chattare con i colleghi mentre si organizzano partite di calcetto, dalle decine di email e dal relativo spam, dalle riunioni ridondanti e ricorrenti. Se esistono diverse versioni del logo istituzionale ma non un manuale che ne regola con chiarezza l’uso.

La nostra impresa potrebbe aver bisogno di wellness se è frenata dai software che “non si parlano”, dai processi decisionali lenti e burocratizzati, dall’assenza di informazioni utili e aggiornate nel momento in cui si prendono decisioni, dall’apprensione quando realizziamo di non curare a sufficienza i clienti, dall’assenza di una ricerca metodica di nuovi clienti, dalla conflittualità eccessiva del personale, dall’assenza di misurazione degli obiettivi. Dall’immagine che trasmettiamo all’esterno, distante dalla Visione e Missione dell’impresa. L’elenco potrebbe continuare. La presenza di uno o più sintomi elencati può indicare l’utilità di agire.

Perché pensare al wellness aziendale?

Il wellness della nostra impresa non è un gesto accademico o un’opzione, ma uno dei mezzi con cui evitare crisi strutturali e governare la competitività dell’impresa, gestire eventuali altre recessioni o semplicemente un percorso per portare al successo la nostra organizzazione. È scontato dire che conviene scegliere dei professionisti, con le competenze necessarie e al giusto prezzo, è in gioco il benessere delle nostre imprese, un bene molto prezioso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *